Progetto "Silver Life: sconfiggi l' invecchiamento"

Il problema dell'invecchiamento della popolazione è considerato di grande importanza in tutta la Comunità Europea. L'Italia è già oggi il Paese che ha la seconda più alta percentuale di anziani al mondo dopo il Giappone: circa il 20% dei cittadini italiani ha più di 65 anni e si prevede che raggiungerà il 30% nel 2050.

I problemi sociali, economici e organizzativi che impone questa tendenza demografica sono colossali. La Commissione Europea e numerosi Paesi hanno messo al centro delle iniziative di ricerca e sviluppo lo studio di soluzioni che possano garantire un'elevata qualità della vita degli anziani, mantenendoli attivi il più a lungo possibile, nella convinzione, scientificamente dimostrata, che attività fisica, attività mentale e coinvolgimento sociale riducano il rischio di un degrado accelerato delle condizioni di salute dopo il pensionamento e permettano agli anziani di contribuire ancora attivamente alla vita sociale.

In questo scenario si colloca il Programma Europeo "Ambient Assisted Living" (AAL) che promuove lo studio di soluzioni basate sulle tecnologie dell'informazione e della comunicazione per garantire un ambiente in cui l'invecchiamento sia costantemente assistito. Lanciato nel 2007, questo programma di ricerca vede il coinvolgimento di tutti i Paesi della Comunità Europea oltre a Israele, Norvegia e Svizzera. Le tecnologie per l'assistenza e l'introduzione dell'informatica nel funzionamento stesso dell'ambiente domestico (la domotica) possono aiutare a ridurre i costi dell'assistenza sanitaria e a migliorare la qualità della vita degli anziani. Oltre a ciò, il monitoraggio a distanza, il telecontrollo, le case e le città "smart" possono contribuire a ridurre l'ospedalizzazione e i ricoveri per anziani, riducendo i costi pubblici e privati.

Una soluzione tecnologica

Il progetto SilverLife è una proposta che un gruppo di aziende, Università e Istituti di ricerca italiani, tedeschi, francesi e israeliani stanno proponendo e per il quale abbiamo chiesto la partecipazione dell'Associazione Nestore.

L'obiettivo è di creare una soluzione tecnologica per indurre le persone anziane, ancora al lavoro o già in pensione, a condurre una regolare attività fisica. Coloro che sono ancora occupati vedono progressivamente ridursi le loro capacità fisiche. Infatti, chi svolge lavori sedentari soffre di disturbi agli arti o alla schiena, chi svolge lavori faticosi trova sempre più difficile sollevare pesi e muoversi rapidamente, aumentando il rischio di incidenti sul lavoro. D'altra parte i pensionati improvvisamente escono dal circuito sociale e il loro isolamento si traduce in perdita di motivazione per la vita stessa, ancor più grave per chi non ha famiglia o i cui famigliari vivono lontani.

Come può aiutare la tecnologia in tutto ciò?

Dal punto di vista del controllo della salute fisica, sono stati inventati e sono ormai disponibili innumerevoli prodotti che misurano quanti passi facciamo al giorno, quante calorie consumiamo, la nostra temperatura corporea, il grado di sudorazione, il battito cardiaco e la pressione e molto altro. Raccogliere tutti questi dati di chi lavora permette di interpretarli e, con la consulenza medica, suggerire esercizi che migliorino o rallentino la perdita di capacità di movimento, suggeriscano il cambio di posizione per chi lavora alla scrivania, o pause nei lavori pesanti o esercizi preparatori per "riscaldare i muscoli" a inizio giornata. La pensionata può utilizzare questi strumenti in un quadro di esercizio fisico programmato e controllato anche durante le attività di intrattenimento e, soprattutto, in un contesto di condivisione sociale: il vero strumento che può ricostruire la vita sociale e incoraggiare a mantenersi attivi fisicamente e mentalmente. A questo scopo, l'aiuto può venire dalle reti sociali, ma non Facebook o Twitter, che sono state create per un pubblico giovane, ma reti sociali destinate proprio a un pubblico di anziani, spesso intimiditi o del tutto all'oscuro delle tecnologie informatiche.

Un modo per descriverlo ancora meglio gli obiettivi del nostro progetto è questo breve racconto.

Sarah Bernard ha lavorato per molti anni come infermiera in condizioni frequenti di stress, aiutando i pazienti, sollevandoli e spostandoli con grande impegno fisico. Da due anni è finalmente in pensione. Marc, suo marito, è un direttore commerciale e ha la passione del giardinaggio e dell'orto. La scorsa estate Sarah ha avuto problemi di cuore e il medico le ha fatto indossare un Holter per registrare l'attività cardiaca e un registratore di pressione per 24 ore. Durante questi test, nonostante le sue conoscenze mediche, Sarah è stata molto in ansia e ha preso contatto con i suoi vecchi colleghi che le hanno parlato di SilverLife, una nuova organizzazione che aiuta gli anziani a condurre attività fisica. Sarah decise di conoscere SilverLife e di associarsi a questa organizzazione. Il primo suggerimento fu di andare al negozio di articoli sportivi SilverLife e di acquistare una speciale tuta che avrebbe monitorato le sue condizioni fisiologiche, permettendole di svolgere le attività sportive che ama. Sarah ne scelse una molto bella, del suo colore preferito, non troppo aderente ma abbastanza da svolgere le funzioni principali; insomma poteva indossarla come un vero e proprio abito.

Al primo week end possibile Sarah partecipò a una gita in montagna, il pomeriggio, con i soliti amici, indossando la nuova tuta. Dopo un paio d'ore una voce suggerì a Sarah di fermarsi 5 minuti, bere e mangiare del cioccolato. Il gruppo riprese la gita finché ancora la voce suggerì di rientrare perché si prevedeva un peggioramento del tempo.

Rientrata a casa, naturalmente la aspettavano i lavori domestici, e mentre puliva le finestre arrivò una chiamata video dal computer: era il figlio Henry che aveva già ricevuto le fotografie della gita che la tuta aveva scattato in modo automatico e lo aveva informato dell'ottimo stato di salute della mamma, che aveva percorso ben 10 km in montagna.

La voce passa in fretta e molti sui colleghi ed ex colleghi decisero di associarsi a SilverLife e di incontrarsi ogni mercoledì sera per discutere e inventare nuovi progetti e organizzare nuove gite.

Anche Marc scoprì con entusiasmo la comunità SilverLife e comprò una tuta adatta a controllare il suo modo di sedersi alla scrivania: dopo qualche giorno il suo mal di schiena quasi cronico già stava migliorando.

In breve tempo, Marc ebbe molto successo nella comunità di SilverLife, guadagnando una ottima reputazione. Poiché era un esperto di marketing, Marc colse una opportunità: diventare un testimonial di SilverLife e avviare un negozio "on line" per vendere la tuta SilverLife e offrire i prodotti e i servizi previsti. Per promuovere questa sua nuova attività cercò un piccolo finanziamento per produrre un filmato pubblicitario. Come slogan finale Marc scelse: SilverLife: sconfiggi l'invecchiamento.

Con questo progetto ci proponiamo di coinvolgere l'Associazione Nestore per raccogliere il frutto dell'esperienza sull'assistenza agli anziani. Dovremo focalizzare sempre più l'obiettivo della ricerca, in modo che risponda a bisogni reali, e verificare che quanto realizzeremo sia davvero corrispondente a quei requisiti di semplicità e qualità che sono necessari per migliorare la qualità della vita.

 

Daniele Marini

Professore Associato, Dipartimento di InformaticaUniversità degli Studi diMIlano

Il nostro indirizzo

Associazione Nestore

Via F. Daverio 7

20122 Milano

T. +39 02 57968359

Fax +39 02 5511846

e-mail nestore@associazionenestore.eu

Orari di segreteria

Lunedì - venerdì dalle ore 9:30 alle ore 12:30.

 

Per incontri in altri orari è opportuno richiedere un appuntamento.

I nostri Soci collettivi:

Società Umanitaria

www.umanitaria.it

Associazione Italiana Sviluppo e Trasferimento Professionalità

www.aistpmilano.it

AUSER Lombardia

www.auser.lombardia.it

Gruppo Edison Seniores

www.senioresedison.it

Siamo in rete con:

Grey Panters

la testata per senior di nuova generazione

www.grey-panthers.it

ANLA Associazione Nazionale Lavoratori Anziani

www.anlalombardia.it

Icaro - Associazione di Promozione Sociale per l'orientamento e la formazione dei giovani.

www.associazioneicaro.it

Ciessevi - Rete Orientamento Volontariato

ROV - Rete Orientamento al Volontariato 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Associazione Nestore - Via Francesco Daverio, 7 - 20122 Milano - Codice Fiscale: 97214520153