PROGETTO “OUTPLACEMENT VERSO IL SOCIALE”: ovvero come mettere a disposizione del mondo della solidarietà le proprie competenze

 

Con il pensionamento, molti dirigenti e quadri si pongono un interrogativo che non è per nulla irrilevante: esiste un modo per valorizzare ancora quel prezioso "bagaglio lavorativo" fatto di competenze ed esperienze maturate in tanti anni di “militanza aziendale”? Come liberare le tante energie e capacità che l’impegno del lavoro ha assorbito e che ora, sono lì a disposizione? Ancora carichi di vigore e di esperienza, trovarsi estromessi dal “circuito del lavoro”, con un tempo libero che sembra smisurato davanti a sé, suscita preoccupazione. E’ un momento di transizione che può essere affrontato riprogettando la propria vita, “riorganizzandosi” insomma. E per farlo il modo più semplice è forse partire dalle proprie competenze. Si sa, la tentazione di un “lavoretto” o una “consulenza” retribuita è la prima ad intrigare. Ma non solo: perché non rimettere in circolazione tali competenze al servizio del “sociale”, del volontariato per esempio? Esistono opportunità concrete di porre al servizio del prossimo e/o della società il proprio patrimonio esperienziale. Già, ma come? Quali le scelte da fare? E a chi rivolgersi? Questa domanda ci è stata posta due anni fa da Aldai, e detto fatto come Nestore abbiamo scritto un progetto e ottenuto un finanziamento dai fondi europei “2012 – anno dell’active ageing”. Ne è nata una iniziativa sperimentale, con il coinvolgimento di 40 dirigenti Aldai di età fra i 60 e i 70 (quindi “remigini” e non al pensionamento) consistente in un percorso che è insieme di supporto, di orientamento e di accompagnamento verso la scelta di un impegno nell’ambito del sociale. 10 incontri bisettimanali in cui si sono succeduti momenti di riflessione sulla disponibilità personale ad intraprendere una scelta del genere a incontri con associazioni per entrare in contatto diretto con un mondo per loro del tuo nuovo. Colloqui individuali per una esplorazione più personale e uno stage di 32 ore presso una associazione per saggiare concretamente la voglia di “starci”. Risultati? Molto lusinghieri. Per i partecipanti il volontariato è “scelta fra scelte” e la ricerca di un equilibrio fra i “vari impegni” personali non è solo una questione legata al tempo, ma anche etica, mentre per le associazioni si tratta di imparare ad accogliere il contributo che queste persone possono dare, che non è solo (come emerge dall’insieme delle loro richieste) per la ricerca di fondi. Lo spazio per iniziative di questo tipo quindi c’è ed è molto ampio. Il nodo delicato è piuttosto l’avvicinamento di questi due mondi, desiderosi di incontrarsi, ma molto lontani per prassi e linguaggio, che alimentano reciproche fantasie e proiezioni, che rallentano non poco la voglia di dialogo. Insomma, al di là di una reciproca disponibilità, c’è bisogno di tempo (e umiltà, soprattutto) per capirsi e comprendersi. Di questo parleremo in un prossimo articolo.

Mauro Vaiani

Il nostro indirizzo

Associazione Nestore

Via F. Daverio 7

20122 Milano

T. +39 02 57968359

Fax +39 02 5511846

e-mail nestore@associazionenestore.eu

Orari di segreteria

Lunedì - venerdì dalle ore 9:30 alle ore 12:30.

 

Per incontri in altri orari è opportuno richiedere un appuntamento.

I nostri Soci collettivi:

Società Umanitaria

www.umanitaria.it

Associazione Italiana Sviluppo e Trasferimento Professionalità

www.aistpmilano.it

AUSER Lombardia

www.auser.lombardia.it

Gruppo Edison Seniores

www.senioresedison.it

Siamo in rete con:

Grey Panters

la testata per senior di nuova generazione

www.grey-panthers.it

ANLA Associazione Nazionale Lavoratori Anziani

www.anlalombardia.it

Icaro - Associazione di Promozione Sociale per l'orientamento e la formazione dei giovani.

www.associazioneicaro.it

Ciessevi - Rete Orientamento Volontariato

ROV - Rete Orientamento al Volontariato 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Associazione Nestore - Via Francesco Daverio, 7 - 20122 Milano - Codice Fiscale: 97214520153